Sembravano più grandicelli ma i ragazzi del Liceo Leopardi di Roma che dal 1987 al 1989 piombarono nelle case degli Italiani con 33 episodi di grandissimo successo andati in onda su Italia 1 sono indimenticabili. IL carismatico “Chicco” Lazzeretti ed il ciccione Bruno Sacchi (Fabrizio Bracconieri), Massimo Conti e Daniele Rutelli….la dark Benedetta Valentini e la riccona Sharon Zampetti (la figlia dell’ industriale Milanese Commendator Cosimo Zampetti), poi ancora lo stralunato Woodstock (Massimo Reale) e le secchione della classe Elias e Tisini, perennemente insultate da Chicco.
I ragazzi della terza C erano una vera classe degli anni ’80, stressati per l’arrivo degli esami di maturità ma combattuti dalla voglia di fare casino. L’ambientazione era stupenda perché riproduceva alla perfezione ciò che a tutti noi è accaduto in quel periodo. Il professore cattivo come il “Voiello”, quello d’Italiano. Totip, ossia il gestore del bar del dopo scuola. Ciro il cartolaio e così via.
Belle anche le sigle con quella molto disco anni ottanta di apertura, “Fire Ladydi Christal, e quella di chiusura “Un Giro Nel Cuore” . Ma molto più celebre fu la sigla della seconda serie “Studiare in jeans“, in cui si diceva che studiare in jeans “c’est plus facile“, come il celebre slogan della pubblicità della San Pellegrino in onda in quegli anni.
Come spesso accade però pochi dei protagonisti dei Ragazzi della Terza C hanno sfondato. Solo Massimo Reale (Woodstock) ha una vera carriera cinematografica mentre il rosso talentuoso Fabrizio Bracconieri, in versione dimagrita, è da anni “aiutante” di Rita Dalla Chiesa in Forum.
Discorso diverso per alcuni celebri comparse come Pino Insegno e Roberto Ciufoli della premiata ditta o perfino Sabrina Ferilli che appare in un episodio come ballerina brasiliana dall’accento Sardo, o anche Maurizio Mattioli che interpreta uno dei gorilla della bionda Sharon Zampetti.